Oblò - La rivista

Oblò 1

Oblò numero 1 / 2018 / 24 pp. bn / copertina col. / spillato / 5 euro


Sostieni Oblò – APS con una donazione di 7 euro (5 + 2 di spese postali). Riceverai direttamente a casa tua Oblò numero 1.



ESAURITO

MA con una sottoscrizione di 1.99 euro puoi scaricare Oblò numero 1 in formato pdf 😉
€1.99 – Acquisto

Oblò n. 1 contiene:

“Il gattocane”
di Enrico Girotto p. 1
“Sei tu che decidi di soffrire”
di Julitos Koba p. 11
“Clara e l’incubo burocratico”
di Clara Mogno p. 15
“Il punk non è morto”
di Julitos Koba p. 21

Traduzione (Julitos Koba):
Paola Faraca
Elaborazione grafica e editing:
Claudio Calia – Omar Martini

Gli autori di Oblò numero 1

Julio Cesar, più conosciuto con il nome Julitos Koba (San Paolo – Brasile, 1986) è un graphic designer, fumettista e illustratore, che crede in un mondo libero e senza frontiere. Nel 2015 ha partecipato con delle illustrazioni all’evento “Drawing the Future” organizzato da Oblò, Associazione Ya Basta e BeccoGiallo Editore durante il “Terra di Tutti Art Festival”, tenutosi a Bologna. Questa partecipazione lo ha aiutato a far conoscere di più i suoi lavori.

Enrico Girotto (Treviso, 1977) inizia a lavorare come montatore video, dopo la Laurea in Lettere, prima a Roma e poi a Venezia. Con la nascita del primo figlio smette di dormire, e con la nascita del secondo figlio comincia a disegnare fumetti. Fosse per lui, disegnerebbe solo fumetti, ma non può perché ha una famiglia da mantenere. E poi, conoscendolo, non è detto che continui con questa storia dei fumetti. Insomma è in un cul de sac.

Clara Mogno (Padova, 1989) ha studiato filosofia a Padova e Parigi. È esperta in ansia, angoscia e blocco dello scrittore nonché in piatti tipici di numerose tradizioni culinarie. Il suo colore preferito è il blu, ma anche il giallo non è male, e da grande vorrebbe diventare una piratessa del Seicento. Sempre alla ricerca di nuove avventure (niente ragni, serpenti o altre cose repellenti), la sua parola preferita in francese è “arnaque” perché le ricorda molto il chiacchiericcio delle anatre. È antifa, femminista e antirazzista.